alla Filosofia Dialogica, Letteratura, Relazioni Internazionali, Scienze Interculturali, Diritti Umani, Diritto Civile e Ambientale, Pubblica Istruzione, Pedagogia Libertaria, Torah, Kabballah, Talmude, Kibbutz, Resistenza Critica e Giustizia Democratica dell'Emancipazione.



ברוך ה"ה







mercoledì 30 marzo 2011

CHE COS'È L'ILLUMINISMO? (WAS IST AUFKLÄRUNG?) 1784, di Immanuel Kant

IMMANUEL KANT:

TESTO INTEGRALE E STUDI

CHE COS'È L'ILLUMINISMO?

(Beantwortung der Frage: Was ist Aufklärung)

1784


Gli spunti di riflessione presenti nel gruppo di lettura guidata su Kant, «Risposta alla domanda: che cos'è l'illuminismo?» - Tutor: prof. Stefano Poggi1 (guida alla lettura di Kant organizzata dal Sito Web Italiano per la Filosofia all’interno del Forum Scuola. www.swif.it) sono alla base delle riflessioni presentate in questo file.


1. Origine dell’opera.


Il breve scritto è il contributo di Kant al dibattito intorno alla domanda “cosa è l’illuminismo” svoltosi negli anni 1783-1784 sulla “Berlinische Monatsschrift2” ed al quale prendono parte, oltre a Kant, alcuni dei protagonisti della cultura filosofica e letteraria della Germania della fine del Settecento: Hamann, Herder, Lessing, Mendelssohn, Schiller, Wieland. Occasionato da un intervento (nel fascicolo II del 1783) del predicatore e teologo Johann Friedrich Zöllner intorno alla possibilità di «non sancire più con la religione il patto matrimoniale», il dibattito – che ha luogo negli ultimissimi anni del regno di Federico II3 - è ricchissimo di presupposti, di echi e di implicazioni di carattere storico-politico nel senso più ampio su cui è impossibile in questa sede anche minimamente soffermarsi, anche se deve essere sottolineato con la massima chiarezza che la conoscenza di tale contesto – resa possibile da una letteratura oramai ampia e assai agguerrita – è in molti casi di grande utilità per la comprensione delle stesse formulazioni kantiane. D’altro canto, rimane nello stesso tempo fermo che queste ultime sono state termine di riferimento e di confronto in sé, indipendentemente da quelle che ne sono state l’occasione o l’origine. Ed è dunque su di esse in quanto tali che ci soffermeremo. Una puntualizzazione è necessaria. Kant – come del resto emerge subito con chiarezza – tratta del concetto filosofico di “illuminismo”, e non del movimento delle idee “illuministiche” in generale. Pare dunque opportuno (e ciò dovrebbe valere anche per la traduzione del titolo dello scritto kantiano) evitare l’uso dell’articolo (e quindi anche della maiuscola): “illuminismo” e non “l’Illuminismo”.


1 Stefano Poggi è professore ordinario di Storia della Filosofia all’università degli studi di Firenze. 2 «Rivista mensile di Berlino» 3 Re di Prusia dal 1740 al 1786 si formò attraverso le idee di Voltaire e la cultura illuministica del tempo. Prese parte alla Guerra di Successione Austriaca ed alla Guerra dei Sette Anni consolidando i confini dello stato prussiano. Introdusse l’istruzione elementare obbligatoria ed avviò una serie di riforme anche in campo giuridico ed economico che gli valsero l’appellativo di Federico il Grande. In questo scritto (§11) Kant ricorda che Federico concesse ai suoi sudditi la piena libertà di culto, il che è molto di più che semplice “tolleranza religiosa”.


2. Testo integrale di Kant


L'intelletto quale guida


(1) L'illuminismo è l'uscita dell'uomo da uno stato di minorità il quale è da imputare a lui stesso. Minorità è l'incapacità di servirsi del proprio intelletto senza la guida di un altro. Imputabile a se stessi è questa minorità se la causa di essa non dipende da difetto di intelligenza, ma dalla mancanza di decisione e del coraggio di servirsi del proprio intelletto senza esser guidati da un altro. Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza - è dunque il motto dell'illuminismo.


(2) La pigrizia e la viltà sono le cause per cui tanta parte degli uomini, dopo che la natura li ha da lungo tempo affrancati dall'etero-direzione (naturaliter maiorennes), tuttavia rimangono volentieri minorenni per l'intera vita e per cui riesce tanto facile agli altri erigersi a loro tutori. È tanto comodo essere minorenni! Se ho un libro che pensa per me, un direttore spirituale che ha coscienza per me, un medico che decide per me sulla dieta che mi conviene, ecc., io non ho più bisogno di darmi pensiero per me. Purché io sia in grado di pagare, non ho bisogno dì pensare: altri si assumeranno per me questa noiosa occupazione. A far sì che la stragrande maggioranza degli uomini (e con essi tutto il bel sesso) ritenga il passaggio allo stato di maggiorità, oltreché difficile, anche molto pericoloso, provvedono già quei tutori che si sono assunti con tanta benevolenza l'alta sorveglianza sopra costoro.


(3) Dopo averli in un primo tempo instupiditi come fossero animali domestici e aver accuratamente impedito che queste pacifiche creature osassero muovere un passo fuori dal girello da bambini in cui le hanno imprigionate, in un secondo tempo mostrano ad esse il pericolo che le minaccia qualora tentassero di camminare da sole. Ora questo pericolo non è poi così grande come loro si fa credere, poiché a prezzo di qualche caduta essi alla fine imparerebbero a camminare: ma un esempio di questo genere rende comunque paurosi e di solito distoglie la gente da ogni ulteriore tentativo. È dunque difficile per ogni singolo uomo districarsi dalla minorità che per lui è diventata pressoché una seconda natura. È giunto perfino ad amarla, e attualmente è davvero incapace di servirsi del suo proprio intelletto, non essendogli mai stato consentito di metterlo alla prova. Regole e formule, questi strumenti meccanici di un uso razionale o piuttosto di un abuso delle sue disposizioni naturali, sono ceppi di una eterna minorità. Anche chi da essi riuscisse a sciogliersi, non farebbe che un salto malsicuro sia pure sopra i più angusti fossati, poiché non sarebbe allenato a siffatti liberi movimenti. Quindi solo pochi sono riusciti, con l'educazione del proprio spirito, a districarsi dalla minorità e tuttavia a camminare con passo sicuro.


La vocazione della ragione all'autonomia


(4) Che invece un pubblico si illumini da sé è cosa maggiormente possibile; e anzi, se gli si lascia la libertà, è quasi inevitabile. In tal caso infatti si troveranno sempre, perfino fra i tutori ufficiali della grande folla, alcuni liberi pensatori che, dopo aver scosso da sé il giogo della tutela, diffonderanno il sentimento della stima razionale del proprio valore e della vocazione di ogni uomo a pensare da sé. V'è al riguardo il fenomeno singolare che il pubblico, il quale in un primo tempo è stato posto da costoro sotto quel giogo, li obbliga poi esso stesso a rimanervi, non appena lo abbiano a ciò istigato quelli tra i suoi tutori che fossero essi stessi incapaci di ogni lume. Seminare pregiudizi è tanto pericoloso, proprio perché essi finiscono per ricadere sui loro autori o sui predecessori dei loro autori. Perciò il pubblico può giungere al rischiaramento solo lentamente.


(5) Forse una rivoluzione potrà sì determinare l'affrancamento da un dispotismo personale e da un'oppressione avida di guadagno e di potere, ma mai una vera riforma del modo di pensare. Al contrario: nuovi pregiudizi serviranno al pari dei vecchi a mettere le dande4 alla gran folla di coloro che non pensano. Senonché a questo rischiaramento non occorre altro che la libertà; e precisamente la più inoffensiva di tutte le libertà, quella cioè di fare pubblico uso della propria ragione in tutti i campi. Ma da tutte le parti odo gridare: non ragionate! L'ufficiale dice: non ragionate, ma fate esercitazioni militari! L'intendente di finanza: non ragionate, ma pagate! L'ecclesiastico: non ragionate, ma credete! (C'è solo un unico signore al mondo che dice: ragionate quanto volete e su tutto ciò che volete, ma obbedite!) Qui v'è, dovunque, limitazione della libertà. (6) Ma quale limitazione è d'ostacolo all'illuminismo, e quale non lo è, anzi lo favorisce? Io rispondo: il pubblico uso della propria ragione dev'essere libero in ogni tempo, ed esso solo può attuare il rischiaramento tra gli uomini; invece l'uso privato della ragione può assai di frequente subire strette limitazioni senza che il progresso del rischiaramento ne venga particolarmente ostacolato. Intendo per uso pubblico della propria ragione l'uso che uno ne fa, come studioso, davanti all'intero pubblico dei lettori. Chiamo invece uso privato della ragione quello che ad un uomo è lecito farne in un certo ufficio o funzione civile di cui egli è investito. Ora per molte operazioni che attengono all'interesse della comunità è necessario un certo meccanicismo, per cui alcuni membri di essa devono comportarsi In modo puramente passivo onde mediante un'armonia artificiale il governo induca costoro a concorrere ai fini comuni o almeno a non contrastarli. Qui ovviamente non è consentito ragionare ma si deve obbedire. Ma in quanto nello stesso tempo questi membri della macchina governativa considerano se stessi come membri di tutta la comunità e anzi della società cosmopolitica, e si trovano quindi nella qualità di studiosi che con gli scritti si rivolgono a un pubblico nel senso proprio della parola, essi possono certamente ragionare senza ledere con ciò l'attività cui sono adibiti come membri parzialmente passivi.


(7) Così sarebbe assai pernicioso che un ufficiale, cui fu dato un ordine dal suo superiore, volesse in servizio pubblicamente ragionare sull'opportunità e utilità di questo ordine: egli deve obbedire. Ma è iniquo impedirgli in qualità di studioso di fare le sue osservazioni sugli errori commessi nelle operazioni di guerra e di sottoporle al giudizio del suo pubblico. Il cittadino non può rifiutarsi di pagare i tributi che gli sono imposti e un biasimo inopportuno di tali imposizioni, quando devono essere da lui eseguite, può anzi venir punito come uno scandalo (poiché potrebbe indurre a disubbidienze generali). Tuttavia costui non agisce contro il dovere di cittadino se, come studioso, manifesta apertamente il suo pensiero sulla sconvenienza o anche sull'ingiustizia di queste imposizioni. Così un ecclesiastico è tenuto a insegnare il catechismo agli allievi e alla sua comunità religiosa secondo il credo della Chiesa da cui dipende perché a questa condizione egli è stato assunto: ma come studioso egli ha piena libertà e anzi il compito di comunicare al pubblico tutti i pensieri che un esame severo e benintenzionato gli ha suggerito circa i difetti di quel credo, nonché le sue proposte di riforme della religione e della Chiesa. In ciò non v'è nulla di cui la coscienza possa venir incolpata. Ciò ch'egli insegna in conseguenza del suo ufficio, come funzionario della Chiesa, egli infatti lo espone come qualcosa intorno a cui non ha la libertà di insegnare secondo le sue proprie idee, ma che ha il compito di insegnare secondo le istruzioni e nel nome di un altro. Egli dirà: la nostra Chiesa insegna questo e quello, e queste sono le prove di cui essa si vale. Tutta l'utilità pratica che alla sua comunità religiosa può derivare, egli dunque la ricaverà da principi ch'egli stesso non sottoscriverebbe con piena convinzione, ma al cui insegnamento può comunque impegnarsi, perché non è affatto impossibile che in essi non si celi una qualche verità, e in ogni caso, almeno, non si riscontra in essi nulla che contraddica alla religione interiore. Se invece credesse di trovarvi qualcosa che vi contraddica, egli non potrebbe esercitare la sua funzione con coscienza; dovrebbe dimettersi. L'uso che un insegnante ufficiale fa della propria ragione davanti alla sua comunità religiosa è dunque solo un uso privato; e ciò perché quella comunità, per quanto grande sia, è sempre soltanto una riunione domestica; e sotto questo rapporto egli, come prete, non è libero e non può neppure esserlo, poiché esegue un incarico che gli viene da altri. Invece come studioso che parla con gli scritti al pubblico propriamente detto, cioè al mondo, dunque come ecclesiastico nell'uso pubblico della propria ragione, egli gode di una libertà illimitata di valersi della propria ragione e di parlare in persona propria. Che i tutori del popolo (nelle cose spirituali) debbano a loro volta rimanere sempre minorenni, è un'assurdità che tende a perpetuare le assurdità.



4 La danda è la cinghia con cui si legano i neonati per evitare loro di cadere quando non sanno ancora camminare.


Limiti degli impegni collettivi


(8) Ma una società di ecclesiastici, ad esempio un'assemblea chiesastica o una venerabile "classe" (come essa si autodefinisce presso gli olandesi), avrebbe forse il diritto di obbligarsi per giuramento a un certo credo religioso immutabile, per esercitare in tal modo sopra ciascuno dei suoi membri, e attraverso essi, sul popolo, una tutela continua, e addirittura per rendere eterna questa tutela? Io dico che ciò è affatto impossibile. Un tale contratto, teso a tener lontana l'umanità per sempre da ogni ulteriore progresso nel rischiaramento, è irrito5 e nullo in maniera assoluta, fosse anche che a sancirlo siano stati il potere sovrano, le Diete imperiali e i più solenni trattati di pace.


(9) Nessuna epoca può collettivamente impegnarsi con giuramento a porre l'epoca successiva in una condizione che la metta nell'impossibilità di estendere le sue conoscenze (soprattutto se tanto necessarie), di liberarsi dagli errori e in generale di progredire nel rischiaramento. Ciò sarebbe un crimine contro la natura umana, La cui originaria destinazione consiste proprio in questo progredire; e quindi le generazioni successive sono perfettamente legittimate a respingere quelle convenzioni come non autorizzate ed empie. La pietra di paragone di tutto ciò che può imporsi come legge a un popolo sta nel quesito se un popolo possa imporre a se stesso una tale legge. Ciò sarebbe sì una cosa possibile, per così dire in attesa di una legge migliore e per un breve tempo determinato, al fine di introdurre un certo ordine, ma purché nel frattempo si lasci libero ogni cittadino, soprattutto l'uomo di Chiesa, di fare sui difetti dell'istituzione vigente le sue osservazioni pubblicamente, nella sua qualità di studioso, cioè mediante i suoi scritti; e ciò mentre l'ordinamento costituito resterà pur sempre in vigore fino a che le nuove vedute in questa materia non abbiano raggiunto nel pubblico tanta diffusione e credito che i cittadini, con l'unione dei loro voti (anche se non di tutti) siano in grado di presentare al sovrano una proposta tesa a proteggere quelle comunità che fossero d'accordo per un mutamento in meglio nella costituzione religiosa secondo le loro idee, e senza pregiudizio per quelle comunità che invece intendessero rimanere nell'antica costituzione. Ma concentrarsi per mantenere in vigore, foss'anche per la sola durata della vita di un uomo, una costituzione religiosa immutabile che nessuno possa pubblicamente porre in dubbio, e con ciò annullare per così dire una fase cronologica del cammino dell'umanità verso il suo miglioramento e rendere questa fase sterile e per ciò stesso forse addirittura dannosa alla posterità, questo non è assolutamente lecito.


(10) Un uomo può per la propria persona, e anche in tal caso solo per un certo tempo, differire di illuminarsi su ciò ch'egli stesso è tenuto a sapere; ma rinunciarvi significa, per sé e più ancora per la posterità, violare e calpestare i sacri diritti dell'umanità. Ora ciò che neppure un popolo può decidere circa se stesso, lo può ancora meno un monarca circa il popolo; infatti il suo prestigio legislativo si fonda precisamente sul fatto che nella sua volontà egli riassume la volontà generale del popolo. Purché egli badi che ogni vero o presunto miglioramento non contrasti con l'ordinamento civile, egli non può per il resto che lasciare i suoi sudditi liberi di fare quel che credono necessario per la salvezza della loro anima. Ciò non lo riguarda affatto, mentre quel che lo riguarda è di impedire che l'uno ostacoli con la violenza l'altro nell'attività che costui, con tutti i mezzi che sono in suo potere, esercita in vista dei propri fini e per soddisfare le proprie esigenze. Il monarca reca detrimento alla sua stessa maestà se si immischia in queste cose ritenendo che gli scritti nei quali i suoi sudditi mettono in chiaro le loro idee siano passibili di controllo da parte del governo: sia ch'egli faccia ciò invocando il proprio intervento autocratico ed esponendosi AL rimprovero che Caesar non est supra grammaticos6, sia, e a maggior ragione, se egli abbassa il suo potere supremo tanto da sostenere il dispotismo spirituale di qualche tiranno nel suo Stato contro tutti gli altri suoi sudditi. 5 Privo di valore legale.


L'età dell'Illuminismo


(11) Se ora si domanda: viviamo noi attualmente in un'età illuminata? allora la risposta è: no, bensì in un'età di illuminismo. Che nella situazione attuale gli uomini presi in massa siano già in grado, o anche solo possano essere posti in grado di avvalersi con sicurezza e bene del loro proprio intelletto nelle cose della religione, senza la guida di altri, è una condizione da cui siamo ancora molto lontani. Ma che ad essi, adesso, sia comunque aperto il campo per lavorare ad emanciparsi verso tale stato, e che gli ostacoli alla diffusione del generale rischiaramento o all'uscita dalla minorità a loro stessi imputabile a poco a poco diminuiscano, di ciò noi abbiamo invece segni evidenti.


(12) A tale riguardo quest'età è l'età dell'illuminismo, o il secolo di Federico. Un principe che non crede indegno di sé dire che considera suo dovere non prescrivere nulla agli uomini nelle cose di religione, ma lasciare loro in ciò piena libertà, e che quindi respinge da sé anche il nome orgoglioso della tolleranza, è egli stesso illuminato e merita dal mondo e dalla posterità riconoscenti di esser lodato come colui che per primo emancipò il genere umano dalla minorità, almeno da pane del governo e lasciò libero ognuno di valersi della sua propria ragione in tutto ciò che è affare di coscienza. Sotto di lui venerandi ecclesiastici, senza pregiudizio del loro dovere d'ufficio, possono liberamente e pubblicamente, in qualità di studiosi, sottoporre all'esame del mondo i loro giudizi e le loro vedute che qua e là deviano dal credo tradizionale; e tanto più può farlo chiunque non è limitato da un dovere d'ufficio. Questo spirito di libertà si estende anche verso l'esterno, perfino là dove esso deve lottare contro ostacoli esteriori suscitati da un governo che fraintende se stesso. Il governo infatti ha comunque davanti agli occhi uno splendente esempio il quale mostra che nulla la pace pubblica e la concordia della comunità hanno da temere dalla libertà. Gli uomini si adoprano da sé per uscire a poco a poco dalla barbarie, purché non si ricorra ad artificiosi strumenti per mantenerli in essa. Ho posto particolarmente nelle cose di religione il punto culminante del rischiaramento, cioè dell'uscita degli uomini da uno stato di minorità il quale è da imputare a loro stessi; riguardo alle arti e alle scienze, infatti, i nostri reggitori non hanno alcun interesse a esercitare la tutela sopra i loro sudditi. Inoltre la minorità in cose di religione è fra tutte le forme di minorità la più dannosa ed anche la più umiliante. Ma il modo di pensare di un sovrano che favorisce quel tipo di rischiaramento va ancora oltre, poiché egli vede che perfino nei riguardi della legislazione da lui statuita non si corre pericolo a permettere ai sudditi di fare uso pubblico della loro ragione e di esporre pubblicamente al mondo le oro idee sopra un migliore assetto della legislazione stessa perfino criticando apertamente quella esistente. Abbiamo in ciò uno splendido esempio, e anche in ciò nessun monarca ha superato quello che noi veneriamo.


(13) Ma è pur vero che solo chi, illuminato egli stesso, non ha paura delle ombre e contemporaneamente dispone a garanzia della pubblica pace di un esercito numeroso e ben disciplinato, può enunciare ciò che invece una repubblica non può arrischiarsi di dire: ragionate quanto volete e so tutto ciò che volete; solamente obbedite! Si rivela qui uno strano inatteso corso delle cose umane; come del resto anche in altri casi, a considerare questo corso in grande, quasi tutto in esso appare paradossale. Un maggiore grado di libertà civile sembra favorevole alla libertà dello spirito del popolo, però pone ad essa limiti invalicabili; un grado minore di libertà civile, al contrario, offre allo spirito lo spazio per svilupparsi con tutte e sue forze. Se dunque la natura ha sviluppato sotto questo duro involucro il germe di cui essa prende la più tenera cura, cioè la tendenza e vocazione al libero pensiero, questa tendenza e vocazione gradualmente reagisce sul modo di sentire del popolo (per cui questo, a poco a poco, diventa sempre più capace della libertà di agire), e alla fin fine addirittura sui principi del governo il quale trova che è nel proprio vantaggio trattare l'uomo, che ormai è più che una macchina, in modo conforme alla sua lui dignità.


6 Il motto deriva da un aneddoto avvenuto nella Roma imperiale. Svetonio racconta che Tiberio, in un discorso, utilizzò una parola inesistente. Il servile Atteio Capitone propose allora di introdurla da quel giorno nel novero dei termini della lingua latina, ma il grammatico Marco Pomponio Marcello disse: «Tu enim Caesar civitatem dare potes hominibus, verbo non potes». Secondo altri l’aneddoto è di molto posteriore. Nel Concilio di Costanza l’imperatore Sigismondo, parlando dello scisma interno alla chiesa cattolica, coniugò il sostantivo come se fosse di genere femminile. Il cardinale che gli sedeva a fianco gli fece osservare, parlando sottovoce, che schisma era un neutro, ed allora Sigismondo gli rispose: «Ego sum Rex Romanus et super grammaticam».


3. Contenuto dell’opera.


(1) Kant muove dalla formulazione di quella che è la tesi centrale dello scritto: l’uomo “si illumina” allorché riesce ad abbandonare una condizione di cui è peraltro egli stesso responsabile, che egli non può imputare ad altri che a sé stesso. Tale condizione è rappresentata da uno stato di sudditanza nei confronti di chi, facendogli da “tutore”, lo tiene in una condizione di “minorità”. Se per “minorità” va intesa l’ “incapacità di valersi del proprio intelletto senza la guida di un altro”, è evidente che l’uomo ne porta la responsabilità nella misura in cui, pur potendo contare sul proprio intelletto, tuttavia rinuncia a farne uso. È quindi necessario – Sapere aude, come afferma Orazio in Epistulae, I, 2, 40 – avere il coraggio di sapere, di servirsi della propria intelligenza.


(2) (3) Le cause del permanere di molti uomini in uno stato di minorità, di cui essi stessi portano la responsabilità, sono la pigrizia e la viltà, dato che è in realtà assai facile ed anche per così dire comodo affidarsi alla guida di un “tutore”. La pigrizia per cui, ad esempio, si afferma che “purchè io sia in grado di pagare, non ho bisogno di pensare” si allea così al timore di procedere ad un secondo tentativo dopo il fallimento del primo. Tuttavia deve essere riconosciuta la difficoltà di uscire da uno stato di “minorità” divenuto una sorta di vera e propria disposizione naturale anche perché a ciò concorrono regole e formule che operano con carattere “meccanico”, come veri e propri automatismi in un modo di usare della ragione che in realtà non è un farne effettivamente uso.


(4) (5) (6) (7) È nondimeno possibile che si avvii il processo di emancipazione dell’uomo se a questi – al “pubblico”, alla società – viene garantita la possibilità di un pieno esercizio della libertà; pieno esercizio che è tale da garantire quella vera trasformazione nel modo di pensare che è peraltro impossibile con una rivoluzione che può portare solo alla fine di un dispotismo personale, ma non alla eliminazione di ogni pregiudizio. L’esercizio della libertà conduce infatti al pieno uso della ragione; ma nello stesso tempo è necessario distinguere tra un “uso pubblico” e un “uso privato” della ragione. Il primo è quello che ne viene fatto nei termini della libertà intellettuale dello studioso; il secondo è invece quello che si dà allorché il membro di una comunità investito di responsabilità che riguardano l’interesse generale è tenuto ad assicurare il buon funzionamento dei “meccanismi” che regolano la comunità medesima e può dunque trovarsi a dovere limitare l’uso della propria ragione, obbedendo a quanto richiesto dai fini comuni ancorché possa nel privato non condividerli. Esempi come quelli del militare tenuto alla disciplina o del pastore tenuto a rispettare il credo della sua Chiesa nello svolgimento del suo ministero sono sotto questo profilo paradigmatici.


(8) (9) L’opportunità, la stessa se si vuole indispensabilità di un “uso privato” della ragione non può in ogni caso tradursi – Kant sottolinea d’altronde esplicitamente che la questione del come l’uomo può, anzi deve “illuminarsi” ha il suo “punto culminante” proprio sul piano delle “cose di religione” – nella stipula di un “contratto” tra i membri di una classe, di un gruppo di “tutori” tale che in esso sia contemplata l’immutabilità delle credenze di cui è loro affidata la diffusione. L’ “uso pubblico” della ragione – quello per cui lo studioso, l’intellettuale si rivolge al mondo, al di là della comunità cui egli appartiene – impone che venga tenuto conto in misura prima e fondamentale di quella che è la effettiva natura dell’uomo, di quella che ne è l’autentica ed essenziale “destinazione”: quella di progredire nella conoscenza e di essere in pieno possesso della possibilità di scegliere affidandosi all’esercizio della ragione. La scelta soggettiva – libera e responsabile a un tempo, e tale per cui vi è un legame essenziale tra volontà e conoscenza – di non “illuminarsi” è perfettamente legittima; ma deve essere chiaro nel contempo che la rinuncia ad “illuminarsi”, che di per sé è comunque una decisione di rimanere nello stato di “minorità” dettata da un difetto di volontà che conduce alla pigrizia o alla viltà, non può in alcun modo tradursi nella imposizione di analoga rinuncia alle generazioni future. In tal modo sarebbero infatti calpestati i “sacri diritti dell’umanità”, che sono tali anche per il sovrano, nella cui volontà si “riassume” la “volontà generale del popolo”.


(10) (11) (12) Kant non ritiene che la sua epoca sia ancora un’epoca “illuminata”. È però anche vero che essa è da considerare un’ “età di illuminismo”, un’età dunque nella quale si è avviato un processo di progressiva uscita degli uomini dallo stato di “minorità”, di emancipazione dunque dalle diverse possibili forme di “tutorato”. Si tratta di un processo reso possibile dalla eliminazione di una serie di ostacoli alla professione della libertà in tutto ciò che è affare di coscienza; e tale eliminazione è stata deliberata, è stata voluta da un “principe” – appunto Federico II - che “respinge da sé anche il nome orgoglioso di tolleranza” per promuovere uno spirito di libertà che lo conduce a considerare “come un dovere di nulla prescrivere agli uomini nelle cose di religione”, e dunque proprio in quelle “cose” in cui la “minorità” è “la più dannosa ed anche la più umiliante”. Non solo: Kant tiene a sottolineare con pieno consenso che il “modo di pensare” di Federico è tale anche da ammettere il pieno esercizio della ragione anche nell’esame critico delle legge da lui promulgate, in vista di quello che ne deve essere il continuo miglioramento.


(13) A Kant è nondimeno ben chiaro che proprio l’organizzazione militare dello stato prussiano è quella che assicura il mantenimento d’una struttura statale basata sul principio della obbedienza che è garanzia non solo della “pubblica pace”, ma anche del massimo grado di libertà nell’esercizio della ragione. Al sovrano “illuminato” è possibile garantire quello che una repubblica non può in realtà assicurare, e cioè l’obbligo alla obbedienza, essenziale al mantenimento di qualsiasi consorzio civile. Quello che appare come il carattere quasi paradossale del “corso delle cose umane” è da Kant volutamente sottolineato. Il crescere in intensità della “libertà civile” può sembrare in linea di principio solo positivo, nella misura in cui pare favorire la “libertà dello spirito del popolo”. Ma in realtà esso pone dei limiti – e si tratta di “limiti insuperabili” – a quest’ultima, poiché è evidente che essa, nello scontro di ogni libertà dei singoli l’una contro l’altra, non può – in uno stato di anarchia in cui regna solo l’arbitrio - non finire con il paralizzarsi. Il vero compiersi della “libertà dello spirito del popolo” lo si ha invece con lo sviluppo di quella tendenza, di quella vera e propria “vocazione” al “libero pensiero” che, col maturare di un “germe” in essa posto dalla natura, prende forma e consistenza nella interiorità degli uomini per poi arrivare a ispirarne il sentire e quindi l’agire come agire libero e volontario che fa dell’uomo qualcosa di ben superiore ad una pura e semplice “macchina”.


4. Struttura schematica dell’opera.


a. L’uomo è un essere dotato di ragione e che dalla natura è stato reso da tempo maggiorenne.


b. L’uomo può rimanere peraltro in uno stato di “minorità”, per sua scelta e obbedendo alla pigrizia, alla viltà etc.


c. L’uomo si pone così sotto tutela. E i suoi “tutori” lo considerano come un animale domestico.


d. “Illuminismo” è un processo di emancipazione da questi “tutori”.


e. Tale processo può essere individuale, ed essere possibile per i pochi che sono in grado di esercitare appieno la propria riflessione.


f. Il processo può investire l’intera società, se viene assicurata la libertà. Tale libertà è innanzitutto libertà di opinione e di espressione.


g. L’uso che può essere fatto della libertà è “pubblico” oppure “privato”. Il primo è illimitato: è la libertà della discussione e della elaborazione teorica. Il secondo può invece essere sottoposto a delle limitazioni in chi, esercitando una funzione pubblica, è tenuto innanzitutto alla salvaguardia del bene comune.


h. Il processo di “illuminismo” è favorito in misura decisiva da uno stato che innanzitutto nelle questioni religiose assicuri il rispetto della libertà di coscienza.


i. La tendenza ad esercitare il libero pensiero è insita nella natura umana, che non è quella di una macchina. Lo sviluppo di tale tendenza è possibile solo se il contemporaneo sviluppo della “libertà civile” viene governato in modo da non trasformarsi in anarchia.


5. Suggerimenti per l’avvio della discussione.


a. L’attenzione deve andare innanzitutto alla concezione della natura umana che guida le considerazioni kantiane: l’uomo come essere dotato di ragione, di libertà e di volontà.


b. Senza tenere conto di tale concezione – quella cioè di una “destinazione” dell’uomo ad un progresso reso possibile dalla maturazione di un “germe” insito nella sua natura – è difficile intendere le argomentazioni svolte da Kant in uno scritto che ha anche delle valenze politico-ideologiche immediate.


c. Nello stesso tempo è necessario porre molta attenzione al capoverso conclusivo (13), dal momento che in esso risulta evidente che Kant ha anche ben presente che proprio il carattere di ente libero e capace di agire dell’uomo porta con sé il pericolo della reciproca sopraffazione. Tale esiziale pericolo può essere rimosso solo con l’esercizio della ragione come funzione intellettuale in grado di individuare principi che garantiscano un punto d’equilibrio tra l’individuo e la società come insieme di individui, ferma in ogni caso restando per Kant la fondamentale dimensione della interiorità come radice della libertà e della volontà.


6. Edizioni italiane dell’opera


Che cos’è l’illuminismo? Riflessione filosofica e pratica politica, a cura di N. Merker, Roma, Editori Riuniti, 1987. Immanuel Kant, Scritti di storia, politica e diritto, a cura di F. Gonnelli, Roma-Bari, Laterza, 2003.


Fonte di questo texto: http://www.atuttascuola.it/


TEXTO DE KANT EM PORTUGUÊS: http://nardelladellova.blogspot.com/2010/08/o-que-e-o-iluminismo-de-kant.html *******

Nessun commento: