alla Filosofia Dialogica, Letteratura, Relazioni Internazionali, Scienze Interculturali, Diritti Umani, Diritto Civile e Ambientale, Pubblica Istruzione, Pedagogia Libertaria, Torah, Kabballah, Talmude, Kibbutz, Resistenza Critica e Giustizia Democratica dell'Emancipazione.



ברוך ה"ה







venerdì 29 aprile 2011

LA RELIGIONE È QUALCOSA CHE DEVE FINIRE UN GIORNO...


(...)

...quando finere la Chiesa, e finire l’Islan e gli altre bugie religiose... faremo un mondo di verità, giustizia e pace, quindi le persone non saranno pecore, cose da lasciare neanche fedeli cristiani, islamici o gli altri ignoranti – invece, saranno umani (non saranno uomini, donne, connazionali e religiosi, ma solamente umani).

E in questo nuovo mondo di vita e vero amore, senza qualsiasi religione, pianteremo con le nostre mani il nostro giardino e poi canteremo delle canzone d'amore...



La parola religione viene del latino “re-ligare”, cioè religare i vivi ai morti.
L'equivoco di considerare la religione come la parola che significa religare l'uomo con la divinità non corrisponde alla sua etimologia.

Quindi, non riteniamo niente qui che è culturale. La cultura di ogni gruppo deve essere rispettata. Le culture degli Indigeni d'America (nord, centrale o sud), le culture orientali, le culture africane o le culture dei popoli nordici dovrebbero essere sempre rispettati, in un contesto democratico.

La questione della religione viene fornito con il Medio Evo e in particolare con la religione ufficiale di Costantino nel 327 e.c. e la religione di Maometto (c. 570 e.c.) , in quanto queste religioni hanno creato il concetto dualistico del mondo, che è, un mondo diviso tra bene e male. Così, hanno anche creato il concetto di fedeli e infedeli. Il concetto dei salvati e dei perduti. Il concetto di obbedienti ed eretici. Il concetto di verginità della donna. Il concetto di stregoneria e di streghe. Il concetto di inferiorità femminile. Il concetto di salvare il mondo con la predicazione e conversione. Il concetto di catechizzare il mondo. In ogni caso, con questi diversi concetti e il dominio politico di queste religioni (come quella di oggi abbiamo il Vaticano e l'Iran). Come risultato abbiamo Le Crociate perverse. Anche le guerre di religione in Irlanda tra cattolici e protestanti. Le guerre islamiche contro l'Occidente (Jihad), ecc.

In questo senso, allora, la religione di Costantino e le sue variazioni medievale, moderna e contemporanea, la religione di Maometto, e anche con le sue variazioni, hanno creato più danni all'umanità, perché questi concetti sono stati forgiati nella menzogna teologica.

Le pietre non devono cadere dalle chiese o moschee. Lasciate le pietre.
Perchè con il tempo e l'evoluzione degli esseri umani ed i loro diritti, non ci sarà nessuna divisione tra i peccatori (condannato) e santi (pecora). La cultura plurale saranno rispettati. Sarà inoltre rispettata il diritto di non avere alcuna cultura.

Non fare confusione tra la religione (la nostra recensione) e cultura (senza alcuna critica). La confusione è il risultato di ignoranza e non quello che abbiamo proposto qui.

La religione è qualcosa che deve finire un giorno. La cultura deve rimanere. La morte sarà superata in Arte, Musica, Poesia e Pace. Un giorno il timore religioso verra superato dallo stato di umanità e le bugie teologiche verranno distrutte della verità di illuminazione.

Questo è tutto!


Pietro Nardella-Dellova, in Lettere di Viaggio, 2011





*

1 commento:

lucia giannetto ha detto...

si quando finirà il predominio delle religioni l"umanità intera starà meglio.