alla Filosofia Dialogica, Letteratura, Relazioni Internazionali, Scienze Interculturali, Diritti Umani, Diritto Civile e Ambientale, Pubblica Istruzione, Pedagogia Libertaria, Torah, Kabballah, Talmude, Kibbutz, Resistenza Critica e Giustizia Democratica dell'Emancipazione.



ברוך ה"ה







mercoledì 8 giugno 2011

"Svolta sostenibile o autodistruzione". L'appello del filosofo della sci...

"Svolta sostenibile o autodistruzione": su Affari l'appello del filosofo Laszlo




Mercoledí 08.06.2011 17:36

Una nuova economia industriale e un nuovo benessere planetario non sono solo possibili ma anche necessari. Pena la nostra stessa sopravvivenza. Ne è convinto Ervin Laszlo, filosofo ungherese esperto di filosofia della scienza e considerato il fondatore della teoria dei sistemi, che in una video-intervista esclusiva ad Affaritaliani.it spiega perché la svolta verso un'economia sostenibile è ormai una scelta obbligata.
Laszlo, che è anche fondatore del Club di Budapest e rettore della Giordano Bruno Global Shift University di Washington ed è candidato al Nobel, è stato uno dei protagonisti del convegno "Nutrire il pianeta d’immaterialità" organizzato da Plef (Planet Life Economy Foundation) l'8 giugno scorso a Milano.
Dietro l'importante incontro, cui Affaritaliani.it ha partecipato, Paolo Ricotti, presidente di Plef e docente di Global Communication alla Bicocca di Milano, che grazie alla sua esperienza di manager di lungo corso (è stato a.d. di Perugina-Nestlè, Ceo del gruppo Heineken in Italia e di Coin) ha mostrato alle imprese come il Capitalismo di Coscienza offra una nuova prospettiva alla cultura d'impresa e alla società civile.
E di una nuova prospettiva parla anche Laszlo nella sua video-intervista. Ormai, secondo il filosofo, siamo completamente interdipendenti a livello planetario ed è quindi necessaria la formazione di una coscienza planetaria che attui la svolta verso un'economia sostenibile. L'uomo va infatti verso l'autodistruzione, continuando ad introdurre elementi non naturali nel mondo, come il nucleare.
Staimo provocando, insomma, una sorta di divorzio uomo-natura nonostante non vi siano mai state nella storia tante possibilità a livello economico, manageriale e tecnologico per cambiare veramente il modello di sviluppo. Per Laszlo, allora, la rivoluzione deve partire dalla società, dai cittadini, che anche singolarmente grazie al web, possono aiutare a creare questa nuova coscienza planetaria.
Scheda/ Ecco chi è Ervin Laszlo

Plef – Planet life economy foundation – è una Fondazione onlus che si occupa di dare concretezza ai principi della sostenibilità e di promuovere la realizzazione di un nuovo modello economico e sociale in grado di creare vero “valore” superando le tesi contrapposte della crescita e della decrescita. Fondata nel 2003 da Paolo Ricotti – attuale presidente -, Plef ha sviluppato nel corso di questi anni modelli di sviluppo applicabili alle realtà imprenditoriali di qualsiasi tipologia; fra i soci compaiono aziende, professionisti, docenti, imprenditori, ricercatori; Plef è in stretto contatto con università italiane e straniere e ha sviluppato un proficuo scambio di informazioni e di attività didattiche. Plef si propone sia al privato che la pubblico, ovvero enti amministrativi centrali e locali. Paolo Ricotti è stato amministratore delegato di Perugina-Nestlé, Ceo di Heineken Italia e del Gruppo Coin. Da dieci anni è docente presso l’Università degli studi di Milano Bicocca dove insegna Global Communication nella facoltà di economia e commercio.
Fonte: affaritaliani.libero.it

Nessun commento: