alla Filosofia Dialogica, Letteratura, Relazioni Internazionali, Scienze Interculturali, Diritti Umani, Diritto Civile e Ambientale, Pubblica Istruzione, Pedagogia Libertaria, Torah, Kabballah, Talmude, Kibbutz, Resistenza Critica e Giustizia Democratica dell'Emancipazione.



ברוך ה"ה







martedì 19 luglio 2011

IL LIBRO NERO DEL CRISTIANESIMO (The Prohibited Book on Christianity / El Libro Prohibido del Cristianismo / O Livro Negro do Cristianismo)


IL LIBRO NERO DEL CRISTIANESIMO:


Duemila anni di crimini nel nome di Dio,


di


Jacopo Fo, Sergio Tomat, Laura Malucelli,


2000





TRADUZIONI:

INGLESE
1) THE PROHIBITED BOOK ON CHRISTIANITY (in inglese) by Sergio Tomat Jacopo Fo and Laura Malucelli (2006, Paperback)

SPAGNOLO
2) EL LIBRO PROHIBIDO DEL CRISTIANISMO (in Spagnolo) Jacopo Fo, Sergio Tomat e Laura Malucelli, 2006

PORTOGHESE
3) O LIVRO NEGRO DO CRISTIANISMO: dois mil anos de crime em nome de deus (in Portoghese), de Jacopo Fo, Sergio Tomat e Laura Malucelli, Ediouro, 2007



*
DETTAGLI
Papa Woytila ha chiesto perdono per alcuni crimini commesi dalla Chiesa Cattolica. Purtroppo, negli ultimi 2.000 anni, i misfatti del Cristianesimo sono stati tanti: caccia alle streghe e agli eretici, Inquisizione, schiavismo, colonialismo, appoggio a dittature europee e sudamericane, pedofilia...

E quante vite sono state distrutte, direttamente o indirettamente, dallo strapottere cattolico e, più in generale, cristiano? Il calcolo esatto è impossibile ma ci troviamo comunque di fronte a un orrore di proporzioni bibliche sul quale i libri di storia spesso tacciono.

Un libro che ripercorre la storia della religione monoteista più diffusa al mondo attraverso le sue gesta più sanguinarie e repressive. Il risultato è un horror che non ha nulla da invidiare a Stephen King. Un bestseller che ha già venduto 50.000 copie e che ora torna, riveduto e aggiornato, in edizione economica.
*
STRUTIURA DEL LIBRO

Introduzione
Parte prima : Il cristianesimo da setta sovversiva a religione dell'impero romano
Capitolo 1: I primi cristiani e l'avvento di Paolo
Capitolo 2: Costantino e la chiesa imperiale
Capitolo 3: Le eresie antiche
Paret seconda : Il Medioevo
Capitolo 4: Le stregi cristiane sotto Giustiniano
Capitolo 5: Le conquiste e i crimini di Carlo Magno
Capitolo 6: Le Crociate : 200 anni di crimini e guerre in nome di Dio
Capitolo 7: Le eresie medievali
Parte terza : Modernità e repressione
Capitolo 8: Il divieto al popolo di leggere la Bibbia
Capitolo 9: L'inquisizione
Capitolo 10: La caccia alle streghe
Capitolo 11: La riforma protestante
Capitolo 12: Le basi religiose della guerra dei trent'anni
Capitolo 13: Colonialismo e schiavismo
Parte quarta: L'età contemporanea
Epilogo: Omertà, segrti , omissioni e bugie.......
Appendice 1 : Altri eretici
Appendice 2 : La tortura
Appendice 3 : Il sequestro dei corpi
Appendice 4 : La persecuzione dei vecchi credenti in Russia
*

Estratto dal Capitolo primo
*
I CRISTIANI MANGIANO I BAMBINI?

Credo che dobbiamo in gran parte al Cristianesimo se oggi il mondo ci appare meno inumano, sadico e violento che in passato. Per 2000 anni, milioni di credenti hanno cercato in ogni modo di testimoniare la parola di pace e amore che Gesù ha predicato. Si vedevano credenti al capezzale dei malati, a raccogliere orfani per strada, a curare i feriti dopo le battaglie e i saccheggi. C'erano cristiani come San Francesco a dare un tetto e conforto ai divorati dalla lebbra e cibo a chi moriva di stenti. E molti come lui attraversavano le prime linee delle battaglie per cercare di porre pace tra gli eserciti. C'erano fedeli a soccorrere i superstiti delle inondazioni, dei terremoti, delle carestie. C'erano cristiani a cercare di porre un limite alla brutalità verso gli schiavi e i servi della gleba oppressi dai "possessores". Cristiani che si esponevano in prima persona pur di ottenere la grazia di un innocente condannato senza prove, solo a causa della follia del fanatismo religioso. Si son visti sacerdoti costruire comunità di indios e morire insieme a loro quando i conquistatori cattolici decidevano che riunirsi in comunità egualitarie e non pagare le tasse costituiva un crimine contro Dio e la corona. Furono sacerdoti a creare cooperative e scuole per i lavoratori, a organizzare le casse di mutuo soccorso, a far fuggire ebrei e zingari perseguitati...


Ma queste persone meravigliose, che in due millenni hanno contribuito grandemente a migliorare la condizione umana e civile dei minori, raramente facevano parte dei vertici della Chiesa. Com'è accaduto per tutte le religioni del mondo, nel momento in cui sono diventate "culto di Stato", i centri di potere delle principali chiese cristiane sono stati conquistati da individui spregiudicati e scaltri pronti a sfruttare fede e slancio mistico al solo scopo di acquistare ricchezza e autorità. Certo, dobbiamo stare attenti a non generalizzare: ci sono stati uomini religiosi assunti a grandi cariche nella sfera ecclesiastica che hanno agito con giustizia e notevole onestà e che soprattutto hanno condiviso, mettendo a rischio anche la propria vita, il diritto alla dignità e alla sopravvivenza dei poveri, colpendo con parole e atti concreti i ricchi pasciuti e potenti, nemici di Cristo e degli uomini (da un'omelia di Sant'Ambrogio). Per secoli i papi continuarono a vendere le cariche religiose al miglior offerente e per essere ordinato vescovo bastava pagare, non era necessario neppure essere preti.


Giulio II consacrò cardinale un ragazzino di sedici anni per denaro. Così, alla fine, molti lestofanti si sono fatti eleggere perfino papi e si sono macchiati di crimini agghiaccianti. Oggi, Papa Woityla si rende perfettamente conto di questa nefasta memoria storica e ha sentito il dovere di chiedere perdono a Dio per i peccati commessi da coloro che rappresentavano e appartenevano alla Chiesa. Ma, ahimé, per quanto esteso sia l'elenco degli atti nefasti ricordati non possiamo pretendere che esso risulti completo. Allora ci siamo presi la briga di raccogliere, con dovizia di particolari, il maggior numero di documenti che ci producano un'idea meno vaga del "peccato" di cui si sarebbe macchiata la Chiesa. Nel realizzare questa ricerca ci siamo trovati davanti un quadro terrificante, costellato da un numero incredibile di episodi alle volte grotteschi ma sempre tragici. Fatti per lo più sconosciuti perfino agli studenti della facoltà di storia. Infatti, non sono storie che si trovano su tutti i libri. Anzi, i testi che raccontano questi eventi (salvo rare eccezioni) sono collocati in un limbo per super specialisti (e ci sorge il dubbio che siano scritti in un linguaggio astruso ed erudito proprio perché rimanga quasi impossibile leggerli). Ma per quale ragione ci siamo imbarcati in una simile avventura? Non certo per un anticlericalismo maniacale da mangiapreti di fine secolo. Oggi anche nel clero si è aperto un dibattito molto fertile sulla ricerca storica del percorso delle religioni.


Per fortuna tutta la Chiesa è percorsa da una grande febbre di rinnovamento e ovunque nascono gruppi di fedeli che cercano di praticare la parola di Gesù e costruiscono solidarietà, libertà, pace, opportunità di affrontare insieme, nell'amore, le difficoltà della vita. Superando ostacoli che si frappongono ancora alla realizzazione di un mondo dove anche la vita prima della morte sia degna di essere vissuta. Ma perché questo rinnovamento sia fertile è indispensabile immergersi profondamente nel clima storico, politico e religioso che determinò il sacrificio di tanti martiri, vittime della parte corrotta e autoritaria del clero spesso in combutta con i gruppi di potere. Solo se riusciamo ad analizzare e discernere la natura e la gravità degli abusi si può costruire quella coscienza e quella cultura che potrà impedire il ripetersi di tali orrori. Questo libro è dedicato a tutti i cristiani e agli uomini di fede diversa di buona volontà. è dedicato anche agli atei che, proprio perché non credenti, hanno l'obbligo morale di possedere un profondo senso religioso della vita.
*
GESÙ AMAVA LE DONNE

Gesù predicava l'amore, la fratellanza e la pietà in un'epoca nella quale questi sentimenti erano considerati spesso infamanti segni di debolezza. I Vangeli ci testimoniano che fra i seguaci da lui più stimati c'erano in prima fila le donne. Ancora, gli Evangelisti narrano come Gesù disprezzasse la ricchezza e condannasse violentemente coloro che tentavano di fare mercato della fede. Questa filosofia mette, da subito, i cristiani in contraddizione con la cultura e i potenti del loro tempo e ben presto iniziano le persecuzioni. Ma dopo appena tre secoli dalla crocifissione del Messia, il Cristianesimo diventa religione unica dell'Impero Romano il che significa che a nessun suddito è permesso di professare un altro credo, pena la persecuzione più feroce, spesso il patibolo.


Roma era l'impero del male! Roma aveva crocefisso Cristo! Come è stato possibile venire a patti col demonio? Come è stato possibile? Dall'amore di Gesù alla Chiesa di Stato dell'Impero Romano! è un salto abissale! Per capirne la portata bisogna analizzare che cosa fosse l'Impero Romano. La scuola ci ha riempito la testa di storie su generali geniali e raffinati legislatori. Ma Roma era ben altro. Le donne venivano considerate animali di proprietà di padri e mariti, che avevano il diritto di batterle e ucciderle. Chi non picchiava la moglie era considerato un asociale. Una degna moglie romana era quella che, insidiata da un malvagio, si toglieva la vita. Non tanto per salvare il proprio onore, quanto per glorificare quello del marito. I bambini a scuola conoscevano ben presto la frusta e gli insegnanti ne tenevano di varie misure e forme appese in classe. Come succede ancora oggi in certe zone dell'India, anche a Roma le neonate femmine venivano spesso soffocate o abbandonate. Questo succedeva soprattutto nelle famiglie nobili. Alle neonate abbandonate più fortunate capitava poi di esser raccolte da mercanti di schiavi che le allevavano e a 5-6 anni le avviavano alla prostituzione.


Lo stupro, la tortura dei prigionieri, violenze di ogni tipo sugli schiavi erano incoraggiati in tutti i modi. L'inventore dello sterminio di massa non può essere considerato Giulio Cesare. Prima di lui conosciamo altri straordinari massacratori (Ittiti, Assiri, Babilonesi), ma di certo il divino Giulio può ben essere eletto a perfezionatore emerito del genocidio organizzato. Egli, di suo pugno, nel De bello gallico ci racconta di come ha organizzato e scatenato le orde di briganti Galli e Germani, contro il popolo degli Eburoni, reo di non volersi assoggettare all'Impero, offrendo a quei criminali alleati asilo e protezione nei suoi accampamenti fortificati. L'augusto imperatore narra poi con un certo compiacimento di come è riuscito a mettere in campo tutto un campionario di infamità, tradimenti e trappole fino a eliminare definitivamente dalla faccia della terra la razza degli Eburoni.1 è il primo condottiero a uccidere tutti gli abitanti di una città, bambini compresi, per punirli di avergli resistito (Mosè, almeno, dopo aver conquistato la città di Madian, risparmia le femmine vergini). Questo è il pianeta del male!!!


Per secoli i Romani si divertono a vedere i prigionieri di guerra scannarsi tra di loro nei circhi. In un solo mese l'imperatore Diocleziano fa ammazzare tra di loro 40 mila uomini nel Colosseo, più di mille al giorno, mentre una folla esaltata beve vino misto a miele e piombo, fuma oppio, fa affari e si accoppia con prostitute e prostituiti per lo più preadolescenti. Il tanfo del sangue e delle interiora squarciate non li infastidisce e in parte è coperto dal lezzo di vomito, visto che i romani, pur di continuare a ingozzarsi di cibo e liquori, hanno escogitato l'espediente di infilarsi due dita in gola per vomitare il pasto appena ingerito. Questa era la civiltà dei Romani: predoni sanguinari e inumani, il loro unico valore era la forza e la sopraffazione giocata con ogni mezzo. La corruzione e il sopruso allucinante erano legge. Il Cristianesimo era stato crudelmente vessato e aveva sofferto per più di un secolo persecuzioni inaudite dal potere imperiale. I cristiani venivano trascinati nelle arene e lì massacrati fra i lazzi e gli sghignazzi di una folla di appassionati del genocidio ludico. Poi, quasi improvvisamente, i persecutori diventano paladini della Chiesa.


Religione di Stato. Teologia, ritualità, interpretazione del Vangelo venivano finemente trasformati e adattati al linguaggio e al pensiero del potere romano. Il Cristianesimo non redime chi aveva martirizzato i primi cristiani, si limita a diventarne servitore. Le storie sulle conversioni degli imperatori sono quasi sempre frottole oscene e colossali. Costantino è colui che adotta il Cristianesimo come culto ufficiale dell'Impero. Per dire che tipo fosse, basti ricordare che fece uccidere il proprio figlio, la moglie, il suocero e il cognato. La leggenda vuole addirittura che Gesù gli fosse apparso di persona promettendo la vittoria in battaglia in cambio dell'adozione del culto cristiano come religione unica del "mondo civile" e dell'acquisizione del simbolo della croce da levarsi trionfante in battaglia. Naturalmente non tutti i seguaci di Gesù si ritrovarono d'accordo con questo patto che implicava una vera e propria abiura dei fondamentali valori cristiani. E così il primo gesto cristiano di Costantino è quello di perseguitare tutti i cristiani che pretendono di seguire il Vangelo alla lettera e che quindi, forzatamente, si ritrovano in conflitto con i devoti del potere. Ne fa uccidere non si sa quanti, altri finiscono in esilio, spogliati di ogni avere, altri sono fatti schiavi. E i primi secoli di cristianesimo sono segnati da continue lotte contro i cristiani che non accettano aggiustamenti e chiose nei dettami del Figlio di Dio.


A queste si intrecciano lotte per la spartizione del potere tra papi e imperatori, papi e antipapi, papi e vescovi, vescovi e vescovi, in un susseguirsi di congiure scismi e lotte senza esclusione di colpi. Credo che non sia possibile raccogliere tutti gli eventi sanguinosi che sconquassarono l'Europa prima e il mondo poi, che scaturiscono dalle lotte di potere nelle quali la Chiesa si schierò virilmente tra le forze combattenti. Milioni di piccole congiure, guerricciole e soprusi che in gran parte nessuno ha mai raccontato. In questo libro ci limitiamo a citare gli eventi più macroscopici ma ci affidiamo alla fantasia del lettore per completare il quadro della situazione della fede in quei tempi. Erano tempi nei quali la parola "brutalità" aveva un senso terribilmente incisivo.


Uccidere, rubare, umiliare, mentire per aumentare il proprio potere era il primo comandamento che una parte consistente della popolazione seguiva con fanatica devozione. E, ovviamente, i massimi livelli di ferocia si raggiungono quando si deve soffocare la rinascita delle idee originarie di Gesù. Esse non hanno mai cessato di risvegliare le genti alla dignità e alla celebrazione del valore collettivo dell'amore cristiano. A testimonianza di questo straordinario, magico potere della parola di Gesù, per secoli dal suo insegnamento, scaturiscono incredibili utopie sociali, comunitarie, che funzionano benissimo fino a che non arrivano i soldati del papa e dell'imperatore, eccezionalmente riunificati, per massacrare i cristiani che vivono nella pace, nell'amore, in comunità senza capi e senza tasse.
*

DOPO SECOLI DI DEPRAVAZIONE TOTALE ASSOLUTA
SI VEDE UNO SPIRAGLIO

Succede che dopo secoli di schiavitù romana la malvagità e gli orrori di quella società infernale portano al crollo di ogni valore. Tutti lottano contro tutti, non c'è più alleanza possibile, in orge di sangue e di sesso, in un livello di violenza, alcolismo e sadismo incredibile. I potenti per secoli hanno delapidato ricchezze inaudite maltrattando in ogni modo i deboli, usando ogni tipo di corruzione e inganno. Gente che aveva a disposizione schiave e schiavi di ogni età per far di loro qualsiasi cosa, anche soltanto ucciderli per noia. Hanno prodotto la propria progressiva depravazione mentale e spirituale. La violenza è anche un danno per chi la compie: uccide la sensibilità e il contatto con la parte sottile, felice, amorosa della vita.


A Roma vivevano esseri umani che avevano bruciato in un parossismo maniacale ogni sensibilità umana, ogni fiducia nell'amore. Essi vivevano un trauma in grado di annichilire le coscienze e marchiavano a fuoco questo dolore nei loro figli picchiandoli continuamente e violentandoli nel loro bisogno di amore e di tenerezze. Mostri, figli di mostri. Una cultura di morte e sopraffazione si incide nei comportamenti, nel linguaggio, nelle modalità stesse del pensiero di quegli uomini. Si respira un'aria terribile, a Roma. A Roma nessuno si può più fidare di nessuno. Alla fine, dopo secoli, la malattia giunge al culmine. La cultura romana è marcia. Non ci sono più regole.


L'imperatore può nominare senatore il suo cavallo o violentare sua madre. Che importa? Dopo secoli di follia la società impazzisce totalmente e il contagio colpisce chi respiri l'aria della città. E l'Impero si scioglie rapidamente in una guerra civile totale dove tutti sono contro tutti. E i "Barbari" ai confini, forti dei loro valori e della loro compattezza sociale, arrivano a ondate ma rapidamente sono coinvolti dalla febbre del tradimento e della sfiducia. E nessun impero resiste a lungo. Poi, nel macello degli scontri religiosi e politici, amplificati dalle invasioni "barbariche", succede spesso che un re tradito dai suoi e abbandonato dai mercenari ricorra ai contadini offrendo loro la libertà e la proprietà delle terre e ottenendo in cambio eserciti invincibili.


Questo coinvolgimento dei contadini nella politica, l'esplosione dell'artigianato, delle manifatture, della cultura dei mestieri e la professionalizzazione di strati contadini (grazie alle nuove tecnologie adottate) porta il popolo a maturare un'idea più dignitosa di sé e un senso della giustizia più profondo. Così verso l'anno mille questa nuova forma di concepire e vivere il mondo si salda con quel che resta delle idee del Cristianesimo primitivo. Si sviluppa un movimento che unisce, all'ideale del ritorno al cristianesimo puro, l'intento di organizzare una società senza re, generali e schiavitù.


Sostanzialmente il popolo dei minori si è reso conto del macchiavello e delle menzogne sul quale posa il potere sacrato e benedetto dei nobili padroni, sorretti dall'immancabile clero. Inoltre ha scoperto che i potenti, anche come guerrieri professionisti, non valgono poi questo gran che dal momento che essi, artigiani e contadini, riuniti nel Comune, armati di lunghe picche e ben allenati riescono ad abbatterli più volte come fantocci.
*

BIBLIOGRAFIA DEL LIBRO

1999 Albert Laurent " L'inquisizione: Baluardo della fede?"
2002 Alberigo Giuseppe-Mayeur Jean Merie " storia del cristianesimo"
1976 Alfodi Andreas "Costantino tra paganesimo e cristianesimo"
1964 Anagnine Eugenio " Declino del movimento ereticale all'inizio del trecento"
2000 Berbero Alessandro " Carlo Magno:Un padre dell'Europa"
1998 Benzi Natale-D'Amico Matteo "Il libro nero dell'inquisizione"
1980 Bloch Ernst " Thomas Munzer teologo della rivoluzione"
1911 Brocciolini Poggio " Facezie di Poggio Fiorentino"
1999 Caccitti Remo "Dal Gesù storico al cristianesimo imperiale"
2004 Caffiero Marina " Battesimi forzati: Storie di ebrei, cristiani e convertiti nella Roma dei papi"
1998 Calimani Riccardo "Gesù ebreo"
1999 Calimani Riccardo "Paolo: L'ebreo che fondo il cristianesimo"
1986 Canosa Romano "Storia dell'inquisizione in Italia"
1997 Carpinello Mariella "Libere donne di Dio: Figure femminili nei primi secoli del cristianesimo"
1998 Christie-Murray David " I percorsi delle eresie"
1987 Cortès Herman " La conquista del Messico"
1999 De Angelis Vanna " Le streghe: roghi, processi,riti e pozioni"
1962 K.Deshner " Abermals Krahte der Hahn"
1987 De vesme C. " Ordalie, roghi e torture"
1977 Donini Ambrogio " Storia del cristianesimo"
1977 Donini Ambrogio "Enciclopedia delle religioni"
1997 duè Andrea " Atlante storico del cristianesimo"
1999 Fo Dario " La vera storia di Ravenna"
1993 Fo Jacopo e altri " La vera storia del mondo"
1999 Fo Jacopo-Malucella Laura "Gesù amava le donne e non era biondo"
1997 Fragnito Gigliola " La Bibbia al rogo"
1987 Gabrieli Francesco " Storici arabi delle crociate"
1988 Geerbrant Carlo " Amazonia un gigante ferito"
1966 Ginzburg Carlo "I Benandanti"
1993 Hamman Adalbert G. " La vita quotidiana dei primi cristiani"

*


O LIVRO NEGRO DO CRISTIANISMO (português)



EL LIBRO PROHIBIDO DEL CRISTIANISMO (spagnolo)





*


*

Nessun commento: