alla Filosofia Dialogica, Letteratura, Relazioni Internazionali, Scienze Interculturali, Diritti Umani, Diritto Civile e Ambientale, Pubblica Istruzione, Pedagogia Libertaria, Torah, Kabballah, Talmude, Kibbutz, Resistenza Critica e Giustizia Democratica dell'Emancipazione.



ברוך ה"ה







giovedì 10 novembre 2011

il video: CUBA, MEMORIA SINDACALE








CUBA, MEMORIA SINDACALE














anarco-sindacalismo e sindacalismo indipendente
realizzato da Claudio Castillo e Jorge Masetti
per il Grupo de apoyo a los libertarios y sindicalistas independientes en Cuba (galsic)
edizione italiana a cura del Centro Studi Libertari / Archivio G. Pinelli di Milano
sottotitoli a cura del Collettivo Arti e Mestieri Libertari di Genova
cd - durata: 26 minuti
prezzo 10,00 euro
scarica copertina

In qualunque regime totalitario il movimento sindacale non è altro che uno strumento dello Stato per il controllo delle masse. In quei regimi esistono solo i sindacati ufficiali, come è appunto il caso di Cuba: la ctc (Confederación de Trabajadores de Cuba) è la famigerata «cinghia di trasmissione» delle direttive economiche del potere castrista. Questa trasformazione del sindacalismo, da strumento di lotta in difesa degli interessi delle classi lavoratrici a strumento di subordinazione agli interessi dello Stato-padrone, è stato il risultato di un lungo processo di distruzione e repressione del sindacalismo autonomo e combattivo, in primo luogo della sua componente anarchica.
In questo momento di aspettative per il futuro di Cuba, con la scomparsa di scena di Fidel Castro, è più che mai necessario il recupero della memoria storica sindacale, della intensa e ricca storia del sindacalismo che ha preceduto il regime castrista. Si deve far conoscere quella storia alle generazioni di lavoratori che dovranno ricostruire un movimento sindacale che torni a essere espressione dei loro interessi di fronte sia allo Stato-padrone sia alle imprese capitalistiche nazionali o straniere che sempre più andranno a costituire la realtà dell'economia cubana.












*







In any totalitarian regime, the trade union movement is nothing but an instrument of state control of the masses. In these regimes there are only the official trade unions, as is the case of Cuba the CTC (Confederación de Trabajadores de Cuba) is the notorious 'transmission belt' of the economic guidelines of Castro's power. This transformation of trade unionism, from an instrument of struggle in defense of the interests of the working classes into an instrument of subordination to the interests of the state-owner, was the result of a long process of destruction and repression of independent and militant trade unionism, first of all its anarchist component.
At this time of expectation for the future of Cuba, with Fidel Castro's disappearance from the scene, it is more necessary than ever to the recovery of historical memory of unionism, the intense and rich history of trade unionism that preceded the Castro regime. You must make known the story to the generations of workers to rebuild the labor movement to come back to be an expression of their interests against both the State-master and both national and foreign capitalist enterprises that increasingly will be part of the reality of the Cuban economy .

Fonte per trovare il video:








*

Nessun commento: