alla Filosofia Dialogica, Letteratura, Relazioni Internazionali, Scienze Interculturali, Diritti Umani, Diritto Civile e Ambientale, Pubblica Istruzione, Pedagogia Libertaria, Torah, Kabballah, Talmude, Kibbutz, Resistenza Critica e Giustizia Democratica dell'Emancipazione.



ברוך ה"ה







lunedì 14 maggio 2012

"ANATOCISMO, IUS VARIANDI E USURA"



Dirito Economico e Diritto Civile:

PER CAPIRE QUALCOSA DELL’ANATOCISMO E DELLE CRISI IN CORSO DEGLI STATI E DELLE PERSONE (scritto nel 1905)

(...)
L’anatocismo (da ανά τόχος, nuovo prodotto) è la capitalizzazione degli interessi. Invece di pagare al suo creditore (accipiens) gli interessi scaduti, il debitore (solvens) li conserva e ne passa l’interesse, in modo che gl’interessi sono capitalizzati, cioè si aggiungono al capitale e divengono come esso produttivi d’interesse.

Per effetto dell’anatocismo, i debiti crescono con rapidità spaventevole: supponendo una somma prestata al 5% con stipulazione che alla fine di ogni anno gl’interessi resteranno nelle mani del debitore e produrranno essi stessi nuovi interessi, il capitale del debito verrà raddoppiato in quattordici anni circa.

L’anatocismo è stato sempre considerato con ragione come um pericolo sociale. Sia che venga applicato agli interessi scaduti o agli interessi da scadere, i debitori, sotto la pressione del bisogno di danaro, subiscono ordinariamente le condizioni che i creditori vogliono loro imporre. La maggior parte di essi li accettano tanto più facilmente, in quanto sono poco abituati ai calcoli d’interesse composto.

Quando le parti convengono anticipatamente che gli interessi, in caso di mancato pagamento alla scadenza, produrranno essi nuovi interessi, l’anatocismo è in particolar modo disastroso. In tal caso, infatti, il debitore si culla generalmente nell’illusione di poter scongiurar il pericolo, pagando gli interessi ed impedendo cosi la loro capitalizzazione, ma, alla scadenza, la sua speranza è svanita, e cosi e sino al giorno della sua ROVINA.
(...)

*
G. Baudry-Lacantinerie, decano dell’Università di Bordeaux, e L. Barde, professore dell’Università di Bordeaux, in “Trattato Teórico-Pratico di Diritto Civile: Delle Obbligazioni”, tradotto dei professori P. Bonfante (Univ. Pavia), G. Pacchioni (Univ. Torino) e A. Sraffa (Univ. Parma). Milano: Casa Editrice D. F. Vallardi, 1905, p. 565

*
testo integrale sull'anatocismo sul Blog Caffè Diritto Poesia
Prof. Pietro Nardella Dellova
Diritto Civile - Delle Obbligazioni

Nessun commento: