alla Filosofia Dialogica, Letteratura, Relazioni Internazionali, Scienze Interculturali, Diritti Umani, Diritto Civile e Ambientale, Pubblica Istruzione, Pedagogia Libertaria, Torah, Kabballah, Talmude, Kibbutz, Resistenza Critica e Giustizia Democratica dell'Emancipazione.



ברוך ה"ה







domenica 12 giugno 2016

CANTO ALLO SCUGNIZZO


CANTO ALLO SCUGNIZZO

Testo e musica di Eugenio Bennato
Da/from: Eugenio Bennato - Carlo d'Angiò, "Musicanova"
[1978] 

(in napoletano)

Frunnelle ‘e noce
nuje nun cuntammo niente ‘ntiempo e pace
ma si chi c’è cummanna nun ce piace
nuje nun ce stammo zitte, e aizammo ‘a voce.
Io nun l’aggio viste
ma m’hanno ditto ca erano ‘nziste,
songo pezziente, e nun so’ cammurriste,
e ‘ntiempo ‘e guerra ‘a famme è assale cchiù triste,
ma appresso a loro Napule resiste.
‘O quarantatrè
nascuse dint’è viche o ‘mmiezo ‘e piazze
so disperate e fanno cose ‘e pazze
se sentono li spari a tutte pizze
songo ‘e guaglione ‘e Napule, songo ‘e scugnizze.
‘O quarantatrè
tutte li sere se sparavano ‘e botte
ma chesta vota nun è Piedigrotta
e ‘mmiezo o fuoco ‘e lampe d’’e scuppette
ce restano ‘e scugnizzi ca combattono.
Pe quattro jurnate
chi nun tene ‘o fucile votta ‘e pprete
e quanno sta città s’è liberata
pe’ vicule, ‘e quartiere e abbascio ‘o porto
ce restano ‘e scugnizze ca so’ muorte.
Pure dint’’o Mercato
nu scugnizziello ‘nterra c’è restato
chi ‘o ssape chi carogna l’ha sparato,
na vecchia guarda e dice, quann’è bello
me pare tale e quale a Masaniello.

_____________ 

(in italiano)

Frondelle di noce,
noi non contiamo niente in tempo di pace
ma se chi ci comanda non ci piace
noi non stiamo zitti, e alziamo la voce.
Io non l'ho visti
ma mi hanno detto che erano gagliardi,
sono un pezzente e non un camorrista,
e in tempo di guerra la fame è assai più triste,
ma accanto a loro Napoli resiste.
Il '43,
nascosti dentro ai vicoli e nelle piazze
son disperati e fanno cose da pazzi,
si sentono gli spari a tutti gli angoli di strada,
sono i ragazzi di Napoli, sono gli scugnizzi.
Il '43,
tutte le sere si sparavano i botti
ma questa volta non è Piedigrotta
e in mezzo al fuoco e ai lampi dei fucili
ci restano gli scugnizzi a combattere.
Per quattro giornate
chi non ha il fucile lancia i sassi
e quando questa città si è liberata
per i vicoli, i quartieri e giù al porto
ci restan gli scugnizzi che son morti.
Pure dentro al Mercato
un ragazzino in terra c'è restato
e chissà quale carogna gli ha sparato.
Una vecchia guarda e dice: Quant'è bello,
mi sembra tale e quale a Masaniello.

________________ 

foto: Scugnizzi armati durante l'insurrezione di Napoli, 27-30 settembre 1943 - Quattro giornate di Napoli !

*
*

Nessun commento: