alla Filosofia Dialogica, Letteratura, Relazioni Internazionali, Scienze Interculturali, Diritti Umani, Diritto Civile e Ambientale, Pubblica Istruzione, Pedagogia Libertaria, Torah, Kabballah, Talmude, Kibbutz, Resistenza Critica e Giustizia Democratica dell'Emancipazione.



ברוך ה"ה







domenica 12 giugno 2016

PERCORSO VIVIANI, di Nuttata Chiara (1931)


PERCORSO VIVIANI

Nuttata Chiara (1931)

Scrivo? e che scrivo si nun ghiesce niente?
‘e ttre d’ ‘a notte, stanco, che ha da asci’?
Veco ca perdo ‘o tiempo inutilmente:
ma, senza suonno, comme aggi’ ‘a durmi’?

E sto screvenno ‘a n’ora a tiempo perzo:
‘a n’ora sciupo carta, ghiengo ‘a penna
e scrivo e scasso senza fa’ nu vierzo.
Che tengo ‘ncapa, segatura o vrenna?

So’ ddoie quartine, manco nu sunetto.
Aggio pigliato ‘a carta e ‘aggiu stracciata,
ma po’ me so’ pentuto dint’ ‘o lietto.

N’ora a penza’: « Si chelle erano belle?! »
E aggio passato ‘o riesto d’ ‘a nuttata,
mettenno assieme tutte ‘e ccartuscelle.

Muglierema, scetannese e vedennese
sola, a chell’ora, ê sseie: — Chisto addo’ sta?!

Scenne e s’accosta ô studio », maie credennese
ca io stesse fin’all’alba ancora llà.

Trase, senza scarpune, nun me chiamma,
vede ca io metto a posto ‘e ccartuscelle:
— Na lettera stracciata ‘e quacche fiamma!
Piezzo ‘e ‘nfamone, tene ‘e mmarachelle.

M’afferra: — Ch’è sta carta? — stenne ‘a mano.
Se ‘mbroglia n’ata vota tuttecose.
— «Pirciò nun duorme ‘a notte? » Chianu chiano,

affronta ‘e piezze, vede ca è ‘o sunetto.
Mme cade ‘mbraccio, fresca, ca è na rosa.
‘A porto n’ata vota dint’ ‘o lietto.

Nuttata Chiara (1931)

*
*

Nessun commento: